Sulla discussa figura dell'imperatore Nerone si concentra questa puntata di "Passato e Presente". Ogni giorno un grande studioso di fama risponde alle domande di Paolo Mieli e di tre giovani storici delle università italiane. Alcuni autori cristiani, come Commodiano e Sulpicio Severo, lo descrivono come l'Anticristo, perché è stato il primo persecutore dei seguaci di Gesù. Nella seconda metà del V secolo l'Impero romano d'occidente è ormai vicino al collasso. Ma qual era il progetto di Carlo? Carlo guidava un popolo germanico, i franchi, ma ha unito sotto il segno di Cristomolti paesi di quella che secoli dopo diventerà L’Europa. Le truppe di Carlo VIII, con la loro formidabile e sconosciuta artiglieria, nel febbraio 1495 conquistano il regno di Napoli. Una pagina di storia ripercorsa dal professor Alessandro Barbero con Paolo Mieli . Roma è caduta due volte nelle mani dei barbari, nel 410 per mano dei goti di Alarico, e nel 455 con i vandali di Genserico. Dopo aver perso il contatto con l’Africa del nord conquistata dagli arabi, con Carlo Magno l’Europa si è definitivamente divisa anche dall’oriente bizantino. Ospite di Paolo Mieli, il professor Alessandro Barbero. L'appuntamento quotidiano che racconta la Storia nelle diverse epoche confrontandole con i nostri tempi. Una conquista che spaventa i potenti d'Italia timorosi di una completa egemonia francese sulla penisola. Passato e Presente. Instagram. Ogni giorno un grande studioso di fama risponde alle domande di Paolo Mieli e di tre giovani storici delle università italiane. Passato e Presente. E il progetto è riuscito? Carlo Magno . Condividi. Oggi # PassatoePresente alle 13:15 su @RaiTre e alle 20:30 su @RaiStoria con Paolo Mieli e il prof. Alessandro Barbero parleranno di"Carlo VIII in Italia".. Gli ultimi imperatori sono figure deboli, fantocci in mano all'esercito o a Costantinopoli, la capitale dell'Impero romano d'oriente: ora, le sorti dell'Impero sono nelle mani dei generali, quasi tutti di origine barbara. L'appuntamento quotidiano che racconta la Storia nelle diverse epoche confrontandole con i nostri tempi. Imporre una sola cultura, una sola religione, un’unica amministrazione e anche una moneta unica a popoli diversi e divisi tra loro? Ospite di Paolo Mieli, il professor Alessandro Barbero. L'immagine di Nerone data dagli storici Tacito, Svetonio e Dione Cassio è quella di un tiranno vanesio e sanguinario che non esita a uccidere madre e moglie o a dare alle fiamme la città di Roma. Nel 2010, dopo circa due millenni d'oscurità, è stata eretta ad Anzio, la sua città natale, la statua commemorativa di Nerone Cesare Augusto Germanico, l'ultimo imperatore della dinastia Giulio Claudia che ha governato l'impero romano dal 54 al 68 d.c. Una targa ne celebra la politica pacifista e riformista. Riproduci. Sulla discussa figura dell'imperatore Nerone si concentra questa puntata di "Passato e Presente". Ne parlano in questa puntata di "Passato e Presente" Paolo Mieli e il professor Alessandro Barbero, raccontando come proprio una rivolta di questi mercenari, guidati dal loro capo Odoacre, scatena la fine dell'Impero. Una conquista che spaventa i potenti d'Italia timorosi di una completa egemonia francese sulla penisola. A queste e altre domande risponde il professor Alessandro Barbero, che si confronta con Paolo Mieli e con gli studenti in studio. E barbari sono anche i mercenari che compongono le fila del suo esercito. Nasce il regno romano germanico guidato da Odoacre, che lascerà presto il suo posto al regno degli Ostrogoti e al loro capo, Teodorico. Ma sono storici ostili all'imperatore per la loro appartenenza all'aristocrazia del Senato, la classe latifondista contro la quale Nerone conduce una lunga battaglia per ridurne privilegi e ricchezze a favore degli elementi emergenti della società: liberti, commercianti e cavalieri. La puntata si occupa di Carlo Magno, sfaccettata figura di condottiero, e politico che con le sue gesta ha segnato un periodo della storia antica. Vai al titolo. Italia St 2017/18 40 min. Sono stati gli studiosi moderni, tra i quali l'italiano Mario Attilio Levi e gli storici anglosassoni e romeni, ad attuare invece una revisione critica della figura e dell'opera di Nerone, cercando di ricostruire una verità più equilibrata. E barbari sono anche i mercenari che compongono le fila del suo esercito. Le truppe di Carlo VIII, con la loro formidabile e sconosciuta artiglieria, nel febbraio 1495 conquistano Napoli. Riproduci . 2020 Italia. 2020 Italia. Rai - Radiotelevisione Italiana Spa Ne parlano in questa puntata di "Passato e Presente" Paolo Mieli e il professor Alessandro Barbero, raccontando come proprio una rivolta di questi mercenari, guidati dal loro capo Odoacre, scatena la fine dell'Impero.

14 Luglio Francia Presa Della Bastiglia, Alberobello Luci Estate 2020, Novità Libri Arte, Nati Il 4 Agosto, Villaggio Del Fanciullo Morosolo, Buon Onomastico Cristina Immagini, Impara Le Ore Giorni Mesi Stagioni, Simbologia Giapponese Tattoo, Tree Of Life Systematics, Gin Gordon Ingredienti,